Go Home - A casa loro đź’€ Recensioneđź’€

Iniziamo con un plauso alla giovane regista Luna Gualano, che dirige un horror indipendente con grande tecnica ed eleganza. Tutti gli attori sono in parte e credibili, cosa non scontata quando si prendono in considerazione film a basso budget. Il make-up, fondamentale in un film di zombi, è minimale ma efficace e ben realizzato. La violenza, quella più efferata, è quasi sempre fuori campo o non mostrata. Scelta stilistica che approvo qualora non ci si possano permettere effetti alla Greg Nicotero: è sempre meglio non vedere che vedere cose fatte male tanto per il gusto di mostrare.

Sinossi

A Roma, durante una manifestazione contro l’apertura di un centro d’accoglienza, si scatena un’apocalisse zombie: solo l’interno del centro sembra essere sicuro e gli ospiti faranno di tutto per restare in vita. Enrico, un ragazzo di estrema destra, si mette al riparo all’interno del centro, mentendo sulla sua identitĂ . L’unico luogo sicuro è quel centro d’accoglienza che lui non voleva, mentre fuori i morti camminano sulla terra.

Il film, ambientato a Roma, non nega la sua italianitĂ , anzi, ne diviene punto di forza con le sue vicende e problematiche tipicamente italiane. Come del resto l’accento romano e le musiche ribadiscono che siamo di fronte ad un prodotto Italiano, di genere, ma pur sempre italiano. Dando così lustro al nostro bel paese, mostrandolo per ciò che è in realtĂ : nel bene e nel male.

Luna gira un lungometraggio che prende spunto a piene mani dai classici stilemi romeriani, infarcendo il film di quella critica sociale tanto cara al compianto papĂ  degli zombi. La metafora quindi diviene chiave di lettura fondamentale per apprezzare e capire l’opera fino in fondo, infatti giĂ  il titolo “A casa loro” dice tutto.

In conclusione, la CG entertainment, ci porta in home video in edizione DvD e Blu-Ray, un piccolo gioiello giĂ  vincitore di diversi premi in giro per i festival italiani.

Cast

Regia: Luna Gualano. Con Antonio Bannò , Sidy Diop , Shiek Dauda , Cyril Dorand Nzeugang Domche, Pape Momar Diop, Mounis Firwana , Wajeeh Jaber Ibrahim.

CONDIVIDI

Slide Background